Panoplia d’ausência ctonique

E’ con orgoglio e passione che vi presento questa nuova azione filmica e suite musicale dei Conceptus.
A breve presenteremo questo cortometraggio sperimentale nelle maggiori fiere internazionali.

Qui di seguito un breve testo critico e presentazione dell’opera:

Inenarrabile crogiolo di visioni divise, iterazioni reiterate in un limbo libitum che echeggia – disintegrandola – la frammentazione dell’umano, traslato a rifiuto, sublimato ad videum.
In questa ecatombe attante della semiotica i Conceptus mostrano la smaterializzazione ctonia del corpus vivendi nella miriade di bit-frammenti ciber-uranici.
L’urgenza gestuale incontenibile del collettivo, come un futuribile dispositivo Guillotin, cala sul collo sonnolento dello spettatore ridestandolo in un fiotto di autentica energheia generatrice.
La gestazione frenetica dell’atto filmico sembra riverberare (ab aeterno) le vacillanti
psico-rhizomata dell’homo technologicus immerso nel suo plancton-vangelo venefico, per poi rigenerarle con fauci-tremens foto-ricomponibili.
Con mano feroce il regista ritorce e tormenta il medium visivo scarnificandolo in un gelido, rigoroso black and white ricolmo di antichi terrori e moderna apatheia.


Hanno partecipato a questa composizione:
Salvatore Ming, Salwatore Cing, Atti Effimeri, (b)ananartista orgasmone sbuffuff, Toresa Chopinaya, Ivan Lungaggini, Spirith Jenio e Apeiron Golia Tkoahbs

Idrofilia Mnestica delle Co-Scienze Universali

La potenza elementale dei Conceptus descrive senza fronzoli le forze della natura sempre più minacciose in un mondo che l’umanità criminale ha preteso di controllare.
Essi sono in grado di canalizzare l’inconscio collettivo nelle sinapsi digitali della contemporaneità riuscendo nello stesso tempo a scolpire un ergon polisemico in grado di purificare l’umano.
In questo Opus Mundi l’acqua assurge alla radice ancestrale del suo etimo dimostrandosi capace di mendare e rigenerare le ceneri della civiltà.
Acqua: emos cosmico, ribollire genico del pianeta mai sazio del suo fieri, oceano di mente-spazio che nessuna equazione sa incapsulare: chimica d’arte che sola nutre, concretizza e trans-scende il bio-homo.
In questo liquefarsi pleromico della psiche, ed infinite inenarrabili narrazioni metamateriche, risiede la siderale, efestiana kunst del collettivo Conceptus.
—-
I Conceptus sono un collettivo artistico dedito al cinema e alla videoarte in tutte le sue declinazioni.
A questo progetto hanno partecipato: Cosmos Pacyügo, Atti Effimeri, Mysteryous Gurls, (b)ananartista orgasmino sbuffuz, Monumenten Eternidad, Guillaume_IG_star, Ysingrinus, Apeiron Golia Tkoahbs e Teresa.
Prodotto da Mollusco Chiacchierato.
—-
Buona Visione.

La videoarte dei Conceptus

Questa monumentale opera prima dei Conceptus s’intitola “Monumentaler holismus metropolis Abbruchbedingung” ed è un omaggio al capolavoro distopico di Fritz Lang.
Come per la pellicola del regista tedesco anche per questo film d’avanguardia è evidente l’afflato visionario e futuristico dei simbolismi e dei riferimenti all’Occulto.
I Conceptus sono un collettivo che lavora a livello internazionale nell’ambito del cinema sperimentale e che ha nel suo novero artisti quali Halberto Hungela, Namwianga Th Exas, Monumenten Eternitad, Chãrdeul Ihuxsiov, Mollusco Chiacchierato, Circio Gnioing Matongo e tanti altri.

Vi auguro una buona visione.

Io sono Circio Gnioing Matongo

Io nacqui dal geoutero eterno, alle pendici del monte Tablet.
Clicca ed assisti anche tu alla Circiogonia, un evento epocale che sta cambiando le sorti del cosmo.
Le acque del creato vacillano ed anche tu scommetto che tremi di gioia e di paura.

Per i più social è disponibile anche una versione per il piccolissimo schermo:

Nasco.