Un buio nella risata

«C’era una volta un uomo che si chiamava Albinus, il quale viveva in Germania, a Berlino. Era ricco, rispettabile, felice; un giorno lasciò la moglie per un’amante giovane; l’amò; non ne fu riamato; e la sua vita finì nel peggiore dei modi».
un buio nella risata disegno astratto di (b)ananartista sbuff

Nel comporre quest’opera vorticosa ed emblematica mi sono ispirato ad un quasi omonimo libro di Vladimir Nabokov nel quale echeggia:
Una risata nel buio

Amor vincit omnia

amor vincit omnia self portrait alien by (b)ananartista sbuff

Amor Vincit Omnia è un dipinto a olio su tela (156×113 cm) realizzato tra il 1602 e il 1603 dal pittore italiano Caravaggio.
Io sono Caravaggio.
Io sono Amore.
Un ufo per esaltare l’ineluttabile potenza del sentimento.
Sono energia emozionale.
Ciò che più colpisce in me è il mio sorriso indefinibile.
Sono Publio.
Ti voglio, ti possiedo, non puoi resistermi, vinco io.
Ho continui screzi con mia moglie.

Oscuro e frammentario

oscuro e frammentario fotografia di (b)ananartista sbuff

il fermento dei vermi corrode le carni del gigante che è arcobaleno e macello.
noi siamo qui al buio dei nostri pensieri, attoniti come gerani, assopiti su un nucleo ardente di giada.
la flebile voce delle arterie pulsa nella mente del netturbino.
appeso a un sogno, strozzato alla rovescia, misuro le costellazioni.
il luccichìo di un’onda fa appena in tempo a trafiggermi
mentre con gli occhi nelle mani farfuglio la mia ultima verità.

Amnesia

amnesia surreal illustration by (b)ananartista sbuff
Ecco la mia opera più corrosiva.
Questo succo gastrico fattosi arte lacererà ogni tuo velo di maya e penetrerà indenne nei meandri psichici scombussolando il tuo ipotalamo.
Il potere dell’oblio purgherà ogni delirio di onniscienza per regalarti eterni attimi di ubiquità.

redbubble (b)ananartista amnesia surreal illustration poster blanket curtain clock comforter greeting card backpack notebook bag shop art

Questo patrimonio dell’umanità da me concepito durante il lockdown ha trovato la sua sede espositiva presso la pagina facebook di Quintocortile viale bligny 42 Milano

Wayuu girl in the amazon jungle

wayuu girl in the amazon jungle portrait by (b)ananartista sbuff

Continua il mio spericolato viaggio in Amazzonia.
Oggi sono in Colombia ed ho incontrato un gruppo di indios Wayuu.
Mi hanno accolto con una danza tradizionale per onorare gli ospiti che si chiama Yonna e mi hanno offerto il Friche un piatto a base di capra.
Squisito.
Poi nel fitto della foresta mi sono inerpicato alla fonte del sacro Giaguaro Tezcatlipoca accompagnato da questa ragazza dal peculiare carattere ventoso che continuava a sparire nella vegetazione trasfigurandosi in sempre diverse floreali forme.

Era forse uno spiritello? >>> Sheva Ezbel

Thriller con Utopia

Matrioska матрёшка,
noi, archivio 1:1 fuori tema.
thrille con anna utopia giordano e (b)ananartista sbuff
Sperimentale, elettrotecnico.
thrille con anna utopia giordano e (b)ananartista sbuff
Succhi assetanti, assestanti, a sè stanti,
thrille con anna utopia giordano e (b)ananartista sbuff
assentanti, statici, stentanti, stentati e sdentati
[che la lingua uggiolante s’attorciglia tra le esse, le ti e le enne. E.]
(Una lingua gastrica, licantropa e succosa: una vera zacchera lapposa!)

Regista non protagonista: (b)ananartista Orgasmello Sbuff Likovski
Attrice consapevole: Anna Utopia Giordano

Canovaccio:
https://www.instagram.com/p/CCGxIEaHeCt/?utm_source=ig_web_copy_link

La notte che emendai Ysingrinus e Gintoki

la notte che emendai ysingrinus e gintoki by (b)ananartista sbuff

Era notte quel giorno.
Sapeva di avere poco tempo. Il tempo gli era stato rubato, proprio quando Ysingrinus e Gintoki [INSERISCI COLLEGAMENTI SE VUOI] avevano deciso di emendare chi avevano emendato.
Non l’avrebbe potuto risolvere in nessun’altra maniera.
Doveva emendarli!
Ganascino d’oro era riverso a terra, granitificato, doveva essere passato quel diavolo d’un Ysingrinus e nessuno, a parte alcune cariatidi erano più passate di lì perché… perché… perché sì!
(simulacro-simulacro-simulacro)
Con un salutare lavacro Ganascino ritorno in sé, le sue mandibole scattavano irose e bramose di bramosia irosa. (b)ananartista SBUFF SBUFF era un poeta e quindi sapeva come andavano queste cose, doveva solo far comparire dei crediti d’oro virtuali con la forza della sua magia ed il tag che Chrome aveva lanciato sui due tristanzuoli si sarebbe attivato in un crack.
***
CROC
***
La filanda era depressa come al solito, le uova di uranio nascoste negli alberi alveare di Vecchia Caledonia rifraggevano con un mistico pulsare lo-tek. Ganascino non era più un essere vivente e senziente, non dopo quel blet-blet della pistola al granito, almeno, ma poteva ancora sfruttare il suo monocolo rosso, quello usato da Gubareo come deterrente atomico.
Era questioni di notti, che erano giorni quei giorni in cui i giorni erano notti e le notti erano notti, e i salutari radioisotopi avrebbero completato il loro compito.
(digrignando le sexy scapoline)
Il sindacato stava facendo pressione. Aveva poco tempo. Cazzo se il tempo era poco.
Ma se lui aveva poco tempo, i due issimi ne avevano davvero molto meno. Sentiva il bronzo che ormai fumava, ogni passo facevano loro lui ne faceva uno in più, il suo n+1 avrebbe avuto la meglio sulla loro curva asintotica discendente cosecante… ancora pochi passi, ancora pochi…
ancora uno…
GNEEE!

 

(Romanzo liberamente scritto da Ysingrinus e pittura liberamente tatuata concentricamente su questo articolo concentrico (https://yziblog.wordpress.com/2020/06/27/la-notte-che-emendammo-chrome ….